Lettera "E-F"

Cerca la tua patologia.


Eczema allergico e cronico

Un eczema è per definizione una reazione dermica infiammatoria (dermatite) pruriginosa e non contagiosa. Il termine deriva dal greco κζημα: gonfiarsi. La patologia ha una patogenesi a carattere immunitario-irritativo.

Terapie consigliate :

Linfodrenaggio Manuale Vodder


Edema

dal greco οίδημα, gonfiore, è un accumulo di liquidi negli spazi interstiziali dell'organismo. L'edema può interessare una zona circoscritta, come ad esempio una gamba, oppure può essere generalizzato, quando si manifesta in tutto l'organismo. In questo caso, prima che l'edema sia clinicamente evidente, devono accumularsi diversi litri di liquido; per questo motivo l'aumento di peso precede generalmente le altre manifestazioni dell'edema.


Ematoma

si intende una raccolta di sangue fuoriuscito dal sistema circolatorio e localizzata in un tessuto o in una cavità dell'organismo. Tra le cause principali:

- traumi la cui forza vulnerante agisca su una struttura vascolare (ematomi da sezione diretta di un vaso) o sul tessuto o sull'organo che la contiene (lacerazione indiretta dei vasi come nell'ematoma muscolare, epatico o splenico, nell'ematoma cerebrale);

- rottura patologica di alcuni vasi già alterati da eventi morbosi (infezionetumorianeurismi);

- disordini della coagulazione ematica (piastrinopeniaemofilia);

- terapie con anticoagulanti;

- interventi chirurgici (ematoma delle ferite chirurgiche);

L'ematoma può interessare ogni struttura corporea.

Terapie consigliate :

LINFODRENAGGIO MANUALE VODDER

 


Equilibrio

esso va definito come il miglior rapporto tra il soggetto e l'ambiente circostante; ne deriva che il corpo, sia in statica che in dinamica, assume un equilibrio ottimale a seconda degli stimoli ambientali che riceve e del programma motorio che adotta.

Terapie consigliate :

TERAPIA POSTURALE MEZIERES


Ernia del disco

L'ernia del disco è il risultato di una dislocazione seguita da fuoruscita di materiale normalmente contenuto nel disco intervertebrale (nucleo polposo), che facendosi spazio tra le fibre lesionate dell'anulus viene a contatto con le strutture nervose contenute nel canale spinale,la dura meninge e/o le radici. Nel disco normale l'anello fibroso, anulus, costituisce un perfetto apparato di contenimento del nucleo polposo che è al suo interno. Assai frequentemente l'ernia è associata ad una pregressa degenerazione del disco, intesa sia come rimaneggiamento del suo contenuto, che come alterazione e danno delle fibre dell'anulus.


Ernia iatale

o ernia dello iato esofageo è l'erniazione dello stomaco attraverso il diaframma, dalla sua normale sede, l'addome, al torace (vedi anche diaframma).

La ernia iatale dipende dal passaggio di parte dello stomaco, attraverso lo iato esofageo/diaframmatico (apertura o forame del diaframma attraverso il quale l'esofago si unisce allo stomaco) nel torace, ed è generalmente associata a reflusso acido da incontinenza dello sfintere esofageo inferiore.

Terapie consigliate :

TERAPIA POSTURALE MEZIERES


Lettera "F"

Fascia

è una struttura di tessuto connettivo che ricopre i muscoli, i gruppi di muscoli, i vasi sanguigni e i nervi; unisce alcune strutture e permette ad altre di scivolare delicatamente le une sulle altre.
Vari tipi di fascia sono costituiti da strati distinti, a seconda delle loro funzioni e della loro localizzazione anatomica: fasce superficiali, fasce profonde e sottosierose (o viscerali) si estendono ininterrottamente dalla testa alla punta delle dita del piede (vedi anche Lingua).

Si viene cosi a creare un vero e proprio Sistema Fasciale che controlla tutte le componenti del nostro corpo. Non è possibile mantenere un corpo sano senza che esista un sistema fasciale sano. La presenza di restrizioni del sistema fasciale e della sua struttura interna, creano disturbi che interferiscono con lo svolgimento funzionale appropriato di tutti i sistemi corporei.


Fibromialgia

La Sindrome da fibromialgia è una patologia dell'apparato locomotore associata a dolori e a segni d'affaticamento a livello dei muscoli, legamenti e tendini (ossia a livello dei tessuti connettivi del corpo, tessuti composti di fibre).
“Fibro" definisce la componente fibrosa, “Mio" la componente muscolare ed "Algia" lo stato doloroso. Normalmente, le indagini di laboratorio risultano nella norma, in particolare è possibile che non sia stata accertata alcuna alterazione, come invece accade per i classici reumatismi e la poliartrite cronica. 
Questa circostanza esatta ed importante fa sì che, contrariamente ai reumatismi veri, si parli semplicemente di "reumatismi falsi". 
Mentre per i reumatismi veri è necessario ricorrere all’uso di cortisone, secondo i reumatologi americani l’uso del cortisone è sbagliato nel caso della fibromialgia.


fibrosi

è l’aumento della quantità di tessuto connettivo fibroso, ricco di fibre collagene e povero di cellule e vasi. E’ un’alterazione che può far seguito a diversi processi morbosi, quali infiammazioni acute o croniche, stasi cronica ematica o linfatica, sostituzione connettivale di parti di tessuto andate incontro a distruzione ( fibrosi cicatriziale).

Terapie consigliate :

LINFODRENAGGIO MANUALE VODDER


Frattura

è l’interruzione parziale o totale della continuità di un osso. Se la frattura riguarda solo l'osso è detta "isolata", mentre se coinvolge anche i legamenti è detta "associata. 

 Le fratture sono classificate secondo diversi criteri.

In base all'eziologia si distinguono:

fratture traumatiche: avvengono in un osso con normale resistenza meccanica;

fratture patologiche: avvengono in un osso con ridotta resistenza meccanica, per condizioni patologiche generali o locali, e sono causate da un trauma incapace di interrompere un osso normale;

fratture da durata (o da stress): tipica degli sportivi, viene causata da microtraumi reiterati in un osso con normale resistenza meccanica (si verificano lentamente).