Lettera "T-U-V"

Cerca la tua patologia.


Tendinite

si intende il processo di infiammazione di uno o più tendini e generalmente questa patologia insorge nel polso, nel ginocchio e nel gomito. Causa spesso sono i movimenti ripetuti più volte ed eccessivi sovraccarichi di lavoro.

Terapie consigliate :

TERAPIA MANUALE ED OSTEOPATICA

 


Terapia Decongestiva Complessa (TDC)

è considerata, nelle Linee Guida della Società Internazionale di Linfologia (ISL), il trattamento d’eccellenza per il trattamento del linfedema. Questa terapia completa comprende: il linfodrenaggio manuale associato al bendaggio multistrato, la terapia manuale, la rieducazione motoria e la contenzione elastica. Completa il percorso la fase di mantenimento e prevenzione che prevede l’attività motoria, la igiene e cura della pelle. Solo l'abbinamento corretto di queste componenti permette di ridurre e mantenere gli edemi linfatici al più basso volume e per il tempo maggiore possibile.


Lettera "U"

Ulcera

è una lesione della pelle o di un tessuto epiteliale, a lenta, difficoltosa o assente cicatrizzazione. Nel corpo umano, le ulcere possono verificarsi in tutte le aree cutanee. Esistono cosi varie tipologie di ulcera e quelle che si giovano del trattamento riabilitativo sono:

 

-l’ulcera da decubito o da pressione;

-l’ulcera diabetica del piede;

-l’ulcera vascolare (ulcera venosa, ulcera varicosa, da stasi, arteriosa, mista);

Terapie consigliate :

LINFODRENAGGIO MANUALE VODDER


Lettera "V"

Varici

sono delle dilatazioni sacculari delle vene, che spesso si evidenziano allungate, dilatate e tortuose a livello degli arti inferiori.
Si distinguono:
- varici tronculari, quando sono interessati gli assi safenici;
- varici reticolari, quando sono interessate le collaterali safeniche;
- varici extrasafeniche, quando si evidenziano al di fuori dei territori safenici;
- teleangectasie, quando la dilatazione interessa i capillari.
In base alla loro patogenesi vengono classificate in: - varici primitive o essenziali; - varici secondarie ad altra patologia, di solito una pregressa trombosi del circolo venoso profondo; - varici congenite, quando sono presenti fin dalla nascita, di solito per condizioni malformative.


Vertigine

è un sintomo, non una malattia. Può essere definita come una sensazione di instabilità, un disorientamento in relazione alle cose che ci circondano. La sintomatologia vertiginosa può variare da una leggera sensazione di instabilità sino ad una grave e severa sensazione di capogiro. L'equilibrio è il prodotto di un’interazione e coordinazione nel cervello di impulsi nervosi che provengono dall'orecchio interno, dagli occhi, dai muscoli del collo, e dai muscoli delle articolazioni degli arti. Un disturbo in una qualunque di queste parti può dare origine ad una sensazione soggettiva di vertigine o di instabilità.

Le cause posso quindi essere varie; quella che beneficia del trattamento riabilitativo è la vertigine:

 

centrale

cervicale

da muscoli ed articolazioni

visiva